Category Archives: photo post

>Volti d’Olanda – Photo post

>

Ieri è arrivata finalmente la Gianduiotta’s Family. La Regina Madre ha preso possesso dei fornelli e ha fissato un rigido schedule di lavori di casa e menù turistici. Il tempo per scrivere sul blog si è visibilmente ridotto, ma vi lascio un photo post che raccoglie tutti i volti d’Olanda che ho rubato durante il soggiorno ad Amsterdam e Utrecht.
Buona domenica!
Ocio alle scarpe abbinate con le cuffie
Ganza la signora con le All Star gialle!!
Relax appollaiati su un ponte
Non ho capito se è una nuova forma di ginnastica o un modo alternativo per slogarsi qualche osso
Giocoliere davanti alla Oude Kerk
Dopo aver visto queste due ragazze, ho capito che potevo comprarmi una giacca lilla senza farmi troppi scrupoli
Sguardi inquietanti
Sguardi amichevoli
Una partita a scacchi per le strade di Amsterdam
Succo di frutta intonato ai collant
Amici ad Utrecht
Amici ad Utrecht # 2
Buffi riflessi (e buffe scarpe)
Abbigliamento d’agosto
Un clochard a Utrecht
Tenendo su un lampione…
Amici ad Utrecht # 3
Impermeabile a pois a spasso per Utrecht

>I bizzarri scatti di Nega – photo post

>

Oggi mi è venuta voglia di fare un photo post con un collage di scatti fatti negli ultimi due anni e mezzo.
La fotografia è una passione che mi è stata trasferita da mio padre fin da quando ero ancora una piccola gianduiotta non troppo pestifera (sono peggiorata negli ultimi anni :D ) (ma devo purtroppo ammettere di essere rimasta piccola, di altezza. Argh!!).Non avevo ancora quasi imparato  a camminare che lui mi aveva già sistemato una Nikon al collo, tutto fiero e felice di insegnarmi quello che potremmo definire il suo hobby preferito. 
Ricordo che quando ero piccola ero molto orgogliosa del fatto che il mio papà vincesse concorsi  e che le sue foto comparissero sugli annuari fotografici nazionali. Ciò non significa che ora io non sia più fiera di lui, anzi, ma a questo orgoglio si è aggiunto il piacere di partecipare assieme ai concorsi . Affiancato dal divertimento di fare luuuunghissime sessioni di visione foto al ritorno dalle gite, dove scateniamo la nostra sindrome da “scatto compulsivo”. 
Con il passare degli anni ho avuto a disposizione (sempre rigorosamente Nikon) : 
  • la mia prima macchinetta compatta manuale: devo ammettere mai sfruttata a pieno, probabilmente i tempi non erano ancora maturi per questa mia passione :)
  • la mia prima macchinetta compatta digitale: qui ho iniziato in maniera più consistente a fare foto, probabilmente favorita dal fatto che con le digitali si possono vedere subito le foto e si può scattare all’infinito, tanto non costa nulla
  • la mia prima macchina fotografica seria, regalatami da Baffetto per il mio 28esimo compleanno e di cui vado mooooooolto fiera: la Nikon D5000. Una bestia che mi porto sempre appresso e con la quale ho fatto circa 4000 foto in appena un anno e mezzo di vita (1700 solo durante il viaggio in Giappone nel 2010).
La mia bestiola mi piace un sacco e devo dire che mi dà tante soddisfazioni. Purtroppo pecca un pochino sulle macro (ma forse sono io che non ho ancora ben capito come farle con questa macchina)  ma per il resto mi regala colori meravigliosi. 
Ok, alla fine con tutto questo preambolo è diventato un photo-racconto-post per cui smetto di straparlare e lascio spazio alle foto.
Buona giornata! ^__^
Foglie di acero sotto la pioggia giapponese nell’isola di Miyajima (giugno 2010)
Una delle prime foto fatte con la D5000: un camaleonte nel Parco Tropicale al Castello di Miramare a Trieste (gennaio 2010)
Tokyo di notte (Giugno 2010)
Esperimento subacqueo che ha richiesto notevoli sforzi :D Corsica (agosto 2009)
Tramonto a Saint-Florent, Corsica (agosto 2009)
Bambino giapponese a Tokyo, fotografato di sorpresa – ma nemmeno troppo – (giugno 2010)
Traghetto della Corsica Ferries all’alba. Nessun ritocco. (Agosto 2009)
Gattosità a Venezia, il micio se la dormiva della grossa sul davanzale di una finestra (marzo 2010)
Pavone al Safari Park di Verona (agosto 2010)
Luna su Saint-Florent, Corsica (agosto 2010)
Nuvole di panna sopra casa nostra, nessun ritocco (luglio 2010)
Falena su una lanterna nel tempio di Miyajima (giugno 2010)
Passerotto al bar, Verona (settembre 2010)
Il tempio di Miyajima con la luna che spunta dopo la pioggia (giugno 2010)
Secondo esperimento fotografico subacqueo – paguro a Saint Florent (agosto 2009)
Tramonto su casa nostra (ottobre 2010)
Granchio inquietante a Miyajima (giugno 2010)
Se non fosse chiaro, prediligo gli scatti naturalistici :D E non amo ritoccare le foto :D

Follow

Get every new post on this blog delivered to your Inbox.

Join other followers: