>Andando a Parigi ho imparato che:

>

- gli ombrelli nella Ville Lumière non vanno di moda. Se piove si va in giro a capo scoperto, ma mai e poi mai ci si ricopre volgarmente con il parapioggia

    - le donne parigine sono fatte di adamantio e non temono il freddo. Anche se fuori ci sono 5 gradi sopra lo zero, loro passeggiano in ballerine (senza calze) e trench dello spessore della carta velina. Possibilmente aperto.

      - se sei italiano i proprietari di ristoranti tenderanno a dare la precedenza a tutti gli altri, sia che si tratti di ordinazione sia che si debba pagare

        - a Parigi il tempo non è continentale, è semplicemente un clima di m*rda

        - a Parigi è bene vestirsi a cipolla

        - se si vola con Easy Jet è cosa buona e giusta usare un bagaglio ed uno soltanto. Non importa se potrebbe esplodere in volo, al gate dovete presentarvi con una sola valigia. Abbiamo visto scene che voi umani non potete immaginare….

        - i marciapiedi di Parigi sono disseminati di scorie cinofile. E’ bene tenere sempre d’occhio dove si mettono i piedi, onde evitare pericolosi spiaccicamenti

        - i francesi ficcano il burro un po’ dappertutto, ivi compresi i panini al prosciutto cotto

        - il cielo quando si squarcia dalle nubi è di un azzurro particolare, quasi indaco. Quando invece piove è grigio come in tutte le altre parti del mondo

        - Parigi è invasa di spagnoli e giapponesi

        - Parigi è piena di cartelli che avvisano della presenza di borseggiatori

        - se chiedi un cafè au lait la cameriera ti guarda sbigottita e ti chiede “Cafè au lait ou Cappuccino?”. Mavacagher, che una volta non sapevate nemmeno dell’esistenza della parola cappuccino!

        - viaggiare in metrò è meraviglioso perchè ti consente di spostarti da un capo all’altro della città in tempo zero

        - in effetti Parigi puzza (in alcuni punti)

                            - I piccioni hanno un numero come la Banda Bassotti 
                              - I passerotti vengono a mangiarti le briciole in mano
                              - I corvi sono ovunque e fanno paura 
                              - anche a Parigi i passerotti sono più furbi dei piccioni
                              - Napoleone era più megalomane di quel che pensassi
                              - E’ inutile dire a tutti “Naaaaa, Parigi mi fa schifo. Preferisco Londra” se poi una volta là cado come una pera cotta e dichiaro amore incondizionato. O ostento un fasullo sdegno oppure evito di sperticarmi in critiche prima di partire.
                              - Il vento è una costante. Può esserci il sole o la pioggia o le nuvole, ma il vento non ti abbandonerà
                              - L’acqua minerale, al ristorante, costa uno sproposito
                              - La domenica mattina la città è popolata di persone che fanno jogging
                              - O i Parigini si sono Moccizzati, oppure è Moccia che si è parigizzato
                              - Se una ragazzina di 15 anni decide di uscire il sabato sera vestita solo di una camicia che le arriva 2 cm sotto il sedere e di un paio di Ugs i genitori non le dicono nulla. Anzi, ci escono assieme con disinvoltura.
                              - La Easy Jet sa come metterti a tuo agio se hai la sfortuna di sederti accanto ad una delle uscite di emergenza. Con precisione e veemenza ti inculca un’ansia sottile, facendoti sentire come tutto (in caso di disastro aereo) dipenda da te.
                                                    - La crociera in battello è più bella di quel che pensassi 
                                                    - A Parigi quest’anno va di moda il cappotto rosso
                                                       

                                                      One Response to >Andando a Parigi ho imparato che:

                                                      1. LadyLindy says:

                                                        >ultili informazioni per quando andrò nella Ville Lumière… non vedo l'ora xD

                                                      Leave a Reply

                                                      Your email address will not be published. Required fields are marked *

                                                      You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

                                                      *

                                                      Follow

                                                      Get every new post on this blog delivered to your Inbox.

                                                      Join other followers: